Le protagoniste

 

# A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

PIANTAGGINE: Calpestare ma non disprezzare

Date retta al vostro amico botanico: nessuna pianta va disprezzata, neppure quella che calpestiamo regolarmente sui nostri sentieri, e che sopravvive comunque benissimo nonostante le offese arrecate dai nostri scarponi da montagna, o dagli zoccoli del bestiame, dalle ruote dei trattori… lei è sempre lì, pronta a tornarci utile…

Mi riferisco in particolare alla piantaggine, una pianta erbacea con foglie disposte tutte in rosetta basale; ogni foglia ha inizialmente una parte stretta che simula un picciolo, poi si apre alquanto (la Plantago major, o piantaggine maggiore è la piantaggine dalle foglie più larghe), ma nello stesso tempo anche le evidenti nervature longitudinali si allargano, senza mai incrociarsi; ha margine intero, apice quasi sempre ottuso, e superficie glabra o appena pubescente. La lunga e stretta infiorescenza in cima al fusto (alto circa 30 cm), è composta da numerosi fiori bianco-verdastri piccolissimi, cui fanno seguito semi duri e rugosi, appetiti dagli uccelli frugivori.

Con le sue foglie schiacciate al suolo, la piantaggine resiste al calpestio, e vegeta bene lungo le strade e i sentieri: per indicare tale formazione vegetale specializzata, si parla proprio di Lolio-plantagineto, l’associazione che comprende sia la piantaggine che il loglio (genere Lolium, famiglia Graminaceae). Questa Plantago ha origini eurasiatiche, ma oggi è diffusa un po’ dovunque, in luoghi asciutti e soleggiati di zone mediterranee, collinari e talora montane.

Della piantaggine si usano le foglie raccolte in primavera-estate, e i semi, ormai bruni, a fine estate. Anche se in cucina le sue foglie lessate vengono talvolta adoperate in insalate miste o contorni, per la piantaggine prevale l’uso medicinale. I suoi molti principi attivi (fra cui molte mucillagini) ne fanno un’erba depurativa, diuretica, leggermente astringente. Per uso esterno vale soprattutto come antisettico ed emolliente, in caso di ulcere, infiammazioni oculari, herpes zoster, emorroidi, eritemi, scottature e come collutorio del cavo orale. Ma in assoluto l’efficacia della piantaggine si rivela... al momento, in caso di punture di insetti o di ortica, e di abrasioni superficiali, servendo anche da disinfettante.

Ultime piante inserite